Notizie dal mondo dilettantistico

Messina, due Fumagalli in campo: prima volta per padre e figlio insieme in Serie C

8.282

Una giornata storica sia per il Messina che per la famiglia Fumagalli è stata quella di oggi. Non solo la squadra siciliana ha trionfato nella trasferta a Caserta, uscendo dalla zona pericolosa della classifica nel girone C della Serie C 2023-2024, ma anche perché per la prima volta nella rosa della formazione ospite si sono ritrovati Ermanno Fumagalli e suo figlio Jacopo Fumagalli.

Il padre, nato nel 1982, è il portiere titolare della squadra guidata da Giacomo Modica e ha difeso la porta anche nel match contro la Casertana. Il figlio, classe 2005, è uno dei centrocampisti più promettenti della formazione Primavera del Messina ed è stato convocato per la prima volta in prima squadra proprio per questa trasferta in Campania. Sebbene Jacopo non abbia preso parte al match, è stato comunque un protagonista importante della giornata.

La Serie C stessa, attraverso i suoi canali ufficiali, ha celebrato questo evento storico che ha visto padre e figlio giocare insieme per la prima volta. Al termine della partita, Ermanno e Jacopo Fumagalli hanno partecipato insieme a una conferenza stampa in cui hanno condiviso le loro emozioni riguardo a questo momento unico.

“Sono felicissimo dell’esordio di Jacopo, ancor più qui dove ho lasciato bellissimi ricordi e sono stato benissimo”, ha dichiarato il papà Ermanno. Jacopo, per sua parte, ha spiegato perché ha scelto di non seguire le orme paterne nel ruolo di portiere: “Sono felicissimo di questa giornata e di questa convocazione. Ho deciso di non fare il portiere perché per essere un perfetto numero uno bisogna essere pazzi così come papà, e lui è quello più istintivo in famiglia, mentre io preferisco sempre agire con razionalità. Lavorerò per arrivare lontano avendo una grande guida come quella di mio padre.”

Questa giornata speciale rappresenta solo l’inizio di un lungo percorso per Jacopo, ma può contare su una guida eccezionale come quella del suo esperto compagno di squadra, il papà Ermanno.