Notizie dal mondo dilettantistico

Serie A: Salernitana, presidente Iervolino indagato per corruzione

1.347

Vacanze, barche e auto a noleggio, borse griffate: la procura di Napoli ha chiuso un’inchiesta condotta dalla GdF su una presunta corruzione che coinvolge alcuni personaggi di spicco dell’imprenditoria, del sindacato e della pubblica amministrazione. Tra i sette indagati figura anche Danilo Iervolino, ex proprietario dell’università telematica Pegaso e presidente della Salernitana.

Secondo l’accusa, gli episodi di corruzione sarebbero stati commessi per ottenere il parere favorevole, in precedenza negato, dalla divisione del patronato Encal-Inpal in Encal-Cisal e Inpal conservandone però i vantaggi economici e patrimoniali.

Tra gli altri indagati anche il segretario generale del sindacato Cisal Francesco Cavallaro, il segretario generale del ministero del Lavoro Concetta Ferrari e Fabia D’Andrea, all’epoca dei fatti vice capo di Gabinetto del ministro del Lavoro. Gli altri nomi sono quelli di Mario Miele (presidente del consiglio di amministrazione del “Centro autorizzato di assistenza fiscale Cisal srl”, ex consigliere di amministrazione dell’Università Mercatorum e attuale dirigente della Salernitana calcio), Francesco Fimmanò (che avrebbe svolto il ruolo di mediatore) e Antonio Rossi (figlio del segretario generale del ministero del Lavoro).

“Noi parte lesa” Dal canto suo l’Università Pegaso precisa che “si tratta di una vicenda precedente all’attuale gestione, per la quale è stata fornita piena collaborazione alla Procura, che ha qualificato Università Pegaso come parte lesa e si riserva di ricorrere in tutte le sedi a propria tutela”.

. . . . .