Notizie dal mondo dilettantistico

Serie C 2023/24: ecco il monte ingaggi di tutte le squadre

5.188

. . . . .

 

Il monte ingaggi della Lega Pro è di 162.989.528 milioni. Ed ecco come è stato calcolato. I dati sugli stipendi di tutti i tesserati (giocatori, allenatori, dirigenti) sono divisi in tre voci.
Parte fissa (122.870.748 euro): è lo stipendio base, da pagare mensilmente o comunque entro il giorno 15 del terzo mese (pena la penalizzazione). Chi supera il milione deve garantire il 40% della parte eccedente con una fideiussione.
Premi (39.719.870 euro): sono i bonus che possono essere inseriti nei contratti: per la promozione, i gol, le presenze ecc.. Vanno versati a obiettivo raggiunto o comunque entro la data fissata per le iscrizioni al torneo successivo.
Diritti d’immagine (398.910): formula poco usata (solo 4 casi): i tesserati cedono i loro diritti a una cifra da saldare entro la scadenza per l’iscrizione.

 

Nel 2023/2024, la Serie C ha visto un aumento significativo nei costi degli stipendi. L’anno scorso, il Crotone era in cima alla lista con 7,5 milioni di euro in ingaggi, ma quest’anno ci sono tre squadre che superano i 9 milioni: Benevento (prima), Spal e Avellino (seconda), quest’ultima quasi raddoppiando i suoi costi in un anno. È sorprendente notare che in Serie B, 12 delle 20 squadre spendono meno dei 9,6 milioni di euro del Benevento.

Altre due squadre, Triestina e Vicenza, hanno ingaggi superiori agli 8 milioni di euro, mentre solo il Catania, neopromosso, raggiunge il livello di spesa del Crotone del 2022/23. Mentre alcune società spendono molto, altre come la neopromossa Giana Erminio e la Virtus Verona operano con budget più contenuti, rispettivamente 636mila e 650mila euro.

Ecco l’elenco completo degli stipendi delle squadre di Serie C per la stagione 2023/2024, divisi in fasce di spesa:

– Oltre 9 milioni di euro: Benevento, Avellino, Spal
– Tra 8 e 9 milioni di euro: Triestina, Vicenza
– Tra 7 e 8 milioni di euro: Catania, Crotone
– Tra 6 e 7 milioni di euro: Cesena, Entella
– Tra 5 e 3 milioni di euro: Foggia, Padova, Perugia, Pescara, Potenza, Rimini
– Tra 3 e 2 milioni di euro: Albinoleffe, Ancona, Carrarese, Cerignola, Lucchese, Mantova, Monopoli, Monterosi, Novara, Pro Vercelli, Trento
– Tra 2 e 1 milione di euro: Alessandria, Arezzo, Arzignano, Brindisi, Casertana, Francavilla, Giugliano, Gubbio, Juve Stabia, Latina, Lumezzane, Messina, Olbia, Picerno, Pineto, Pro Sesto, Renate, Sorrento, Taranto, Torres, Turris, Vis Pesaro
– Sotto 1 milione di euro: Fermana, Fiorenzuola, Giana Erminio, Legnago, Pergolettese, Pontedera, Pro Patria, Recanatese, Sestri Levante, Virtus Verona