Notizie dal mondo dilettantistico

Corte di giustizia UE dà ragione a Superlega: “Il monopolio UEFA è finito. Il calcio è libero”

721

. . . .
 

Il giorno decisivo è arrivato e ha scosso il mondo del calcio. La Corte di giustizia dell’Unione Europea ha infatti deciso a favore della Superlega, che aveva presentato ricorso contro il presunto monopolio esercitato da UEFA e FIFA. Secondo la CGUE, si configura un abuso di posizione dominante da parte di questi due enti, accusati di esercitare un monopolio. La speranza di A22, la società che mira a sviluppare il nuovo torneo, è stata dunque confermata dalla sentenza. La Corte ha dichiarato che le regole di FIFA e UEFA, che richiedono l’approvazione preventiva per competizioni interclub come la Superlega, violano il diritto dell’Unione. Le norme in questione sono state giudicate contrarie ai principi di libera concorrenza e prestazione di servizi, con poteri di FIFA e UEFA ritenuti non trasparenti, obiettivi, non discriminatori e sproporzionati.

La Corte Ue ha definito “illegali” le regole che impongono l’approvazione preventiva da parte di UEFA e FIFA per la creazione di nuove competizioni e che prevedono sanzioni per squadre e giocatori partecipanti. Inoltre, le norme che conferiscono a FIFA e UEFA il controllo esclusivo sui diritti commerciali di tali competizioni sono state considerate potenzialmente limitative per la concorrenza, data l’importanza di queste competizioni per media, consumatori e telespettatori dell’UE. La Corte ha anche sottolineato che l’organizzazione di competizioni calcistiche e lo sfruttamento dei diritti mediatici sono attività economiche che devono rispettare le regole di concorrenza e libera circolazione, nonostante le specificità dello sport.

I giudici di Lussemburgo hanno chiarito che la loro decisione non implica un’approvazione automatica di un progetto come la Superlega, lasciando la valutazione finale al Tribunale del commercio di Madrid, che dovrà valutare l’eventuale beneficio di tali regole, come una possibile redistribuzione solidale delle risorse e profitti.

Dopo la fondazione della Superlega nell’aprile 2021 da parte di 12 club, solo Real Madrid e Barcellona (con la Juventus in fase di uscita) sono rimasti a sostenere il progetto, riuniti in una Società di Superlega Europea (ESLC). Affiancata dall’agenzia di marketing A22, la ESLC ha portato la questione davanti al tribunale Mercantile di Madrid, che a sua volta ha deferito il caso alla Corte di giustizia UE.

 

 

. . . .