Notizie dal mondo dilettantistico

La nuova Superlega: 64 squadre e partite gratis in TV. Chi parteciperà

1.215

. . . .

 

La recente decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, che si è espressa a favore della Superlega e contro il controllo esercitato da UEFA e FIFA sul calcio, ha aperto nuove possibilità rivoluzionarie nel panorama calcistico. A prendere l’iniziativa, in seguito a questa sentenza, è A22 Sports, l’ente incaricato di organizzare la Superlega. Tuttavia, l’inizio effettivo del torneo non è imminente, dato che ci sono molteplici aspetti, sia formali che legali, da considerare. A22 ha già pubblicato un format dettagliato per la Superlega, che prevede la partecipazione di 64 squadre, e ha annunciato una piattaforma di streaming completamente gratuita.

Si prevedono tavoli di discussione con FIFA e UEFA per assicurare che i club partecipanti alla Superlega non vengano esclusi da altre competizioni. Si stima che la nuova realtà calcistica prenderà forma non prima della stagione 2025-2026. A22 Sports ha delineato un torneo che promette di essere rivoluzionario: “La nostra proposta include anche il lancio della più grande piattaforma di streaming sportivo diretto ai fan, dove miliardi di tifosi potranno vedere tutte le partite della Super League in diretta e gratuitamente“.

La Superlega proporrà una struttura con 64 squadre maschili e 32 femminili, suddivise in tre leghe: Star, Gold e Blue. Le prime due leghe avranno 16 squadre ciascuna, mentre la lega Blue ne avrà 32. Importante notare che nessuna squadra avrà un posto garantito permanentemente, con tutto basato su risultati e meriti sportivi.

In attesa della concretizzazione del progetto, A22 Sports ha elaborato un format che prevede tre divisioni con promozioni e retrocessioni. Il nuovo progetto mira a un coinvolgimento maggiore e più attrattivo rispetto alla versione iniziale di un torneo esclusivo. Le prime due leghe, Star e Gold, saranno composte da 16 club ciascuno, e la terza, la Blue League, da 32. L’accesso sarà meritocratico, senza membri permanenti, con promozioni e retrocessioni annuali. L’accesso alla Blue League, il livello più basso, sarà basato sui risultati nel campionato nazionale.

Per quanto riguarda la partecipazione alla Superlega, A22 Sports ha dichiarato che i club saranno selezionati in base a criteri trasparenti e basati sulle prestazioni. Saranno introdotte regole di sostenibilità finanziaria e processi trasparenti per assicurare equità tra i partecipanti. I club giocheranno in casa e in trasferta in gruppi di 8, con un minimo di 14 partite all’anno. La fase finale sarà ad eliminazione diretta per determinare i campioni di ogni lega e i club promossi. Non ci sarà un aumento dei giorni di gioco rispetto alle attuali competizioni e le partite infrasettimanali non interferiranno con i calendari dei campionati nazionali.

 

 

. . . .